vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Tornaco appartiene a: Regione Piemonte - Provincia di Novara

Palazzo Storico (Sec. XIX)

Nome Descrizione
Indirizzo Centro Storico
Telefono 0321.846118 (Comune)
Informazioni Proprietà: privata
Coperture: genere a tetto, forma a padiglione
Uso originale: palazzo nobiliare
Uso attuale: sede Circolo ARCI
Carta per la geoferenzazione: CRT 1:10.000, 138010
Il complesso storico edilizio in esame è attuale sede del Circolo ARCI: spicca nel tessuto storico urbano per i caratteri tipologici improntati al decoro architettonico.
La sua conformazione prevede un impianto planimetrico di forma parallelepipeda con copertura a padiglione, distribuito su doppio livello.
Il fronte presenta un disegno compositivo unitario improntato alla simmetria, rispondente ad un organico progetto originario. Le regolari aperture finestrate, piuttosto alte per ottimizzare l'aerazione e l'illuminamento dei locali interni, presentano cornici decorative e davanzali con soglia in pietra.
In corrispondenza del livello inferiore é presente un ingresso coperto da pensilina in ferro battuto. La copertura presenta schema a padiglione e manto laterizio.
La finitura superficiale del fronte è ad intonaco, in tonalità crema in corrispondenza delle riquadrature e rosso mattone per quanto riguarda le cornici marcapiano, le lesene intermedie, il cornicione sottogronda e le cornici decorative intorno alle aperture.
Tutte le finiture superficiali manifestano fenomeni di degrado a motivo dell'azione dell'umidità di risalita capillare, delle acque meteoriche, della gelività.
Presenti anche interventi incongrui sulle finiture. Invasiva la presenza dell'impiantistica in facciata.
Opportuna anche la realizzazione di interventi conservativi relativi agli elementi decorativi interni.
Importante il costante monitoraggio dello stato conservativo del bene. Per quanto riguarda l'esecuzione di eventuali interventi conservativi, si sottolinea l'opportunità di procedere preventivamente ad interventi di risanamento dall'umidità; alla realizzazione di rappezzi con tecnica non distruttiva ed impiegando materiali e sostanze affini a quelli originari e legante a base di malta di calce naturale; di intervenire sulle finiture esterne, avendo sempre l'accortezza di impiegare prodotti traspiranti.